E’ arrivata la primavera, come vestirsi per andare a correre?

girl-691162_1280 (1)

Mai come in questo periodo però si incontrano i runner con gli abbigliamenti più svariati, vediamo di mettere un po’ d’ordine:

1. Il Temerario

Non appena spunta il primo timido sole, il temerario (o la temeraria) non indugia: pantaloni corti e maglietta estiva – tanto io sono caloroso -. Peccato che i primi 10 minuti, prima di scaldarsi, il nostro amico runner sia di color livido perché – d’accordo che dopo si scalda – ma quando esce ci sono sempre 7°C che farebbero rabbrividire anche un pinguino.

2. Il Freddoloso

L’esatto contrario del Temerario, esce con pantaloni lunghi, primo strato, maglia a manica lunga e – non sempre ma spesso – giacca antivento. Riconoscere i freddolosi è facilissimo: dopo i primi minuti di corsa sembrano appena usciti da una sauna finlandese e ansimano come nemmeno dopo una maratona…

3. Il Previdente

Ha guardato i siti di previsioni meteorologiche preparando l’uscita da due giorni. Capita infatti di vederli con giacca antipioggia nonostante il sole e 15°C o in pantaloncini corti con il vento che sferza a 30 km/h.

Quindi?

Come comportarsi quindi? La regola è sempre quella di uscire come se ci fossero 10°C in più del reale. La soluzione migliore è, prima di decidere come vestirsi, aprire una finestra, sentire com’è la temperatura, capire se c’è vento oppure no e poi pescare dal nostro “guardaroba del prefetto runner” la tenuta migliore. Certo, giacca antivento o antipioggia in questa stagione sono indispensabili.  (poi alla fine faremo il conto dei luoghi comuni citati) ci si può aspettare di tutto.

 

<fonte>

Rispondi