Come correre in pausa pranzo

Molto spesso la giornata di chi corre è super impegnata: lavoro, famiglia, impegni di ogni tipo..e la corsa, inevitabilmente, passa all’ultimo posto.

Untitled design (37).png


Come fare quindi per continuare ad allenarci? Semplice: dobbiamo “infilarla” in ogni spazio possibile, che sia mattina, sera, oppure appunto, la pausa pranzo!
Premesso che ogni lavoro ha i suoi tempi, molto spesso questo momento della giornata è tra i più gettonati da runners e sportivi vari.
Organizziamoci a dovere non è impossibile ritagliarsi  uno spazio di 45-50 minuti in grado di soddisfarci, permetterci di ripartire con più entusiasmo, e mantenere l’allenamento così faticosamente acquisito.

Un trucco per arrivare a tale ora non affamati e quindi predisposti al richiamo della tavola, è appunto di consumare nell’arco della mattina, se possibile, e se la colazione non è stata abbondante, spuntini leggeri (fette biscottate e marmellata, snack energetici, frutta…) mantenendo allo stesso tempo una buona idratazione.
Il medesimo spuntino potrà essere velocemente consumato a fine allenamento, permettendo di evitare la sensazione di “abbiocco” che assale inevitabilmente durante le ore del primo pomeriggio.

Una volta stabilito il percorso, cerchiamo di rendere produttiva questa finestra temporale: visti i minuti contati, meglio cercare di affidare eventuali stimoli allenanti al classico interval training (1’forte – 1′ piano / 2’forte – 1′ piano), oppure a ripetute con il recupero veloce (es. 300m forte – 100m piano…), corse inevitabilmente non al massimo, ma che con il loro continuo “tira e molla” permetteranno ugualmente uno stimolo allenante elevato senza terminare la sessione pieni di dolorini da smaltire una volta tornati in ufficio.

Se invece non abbiamo voglia di fare allenamenti complicati, i classici 40-50′ di corsa continua, magari con leggera progressione finale al posto degli allunghi, risultano sempre la soluzione migliore e perchè no più rilassante da adottare.
Aggiungo che solitamente le ore del primo pomeriggio, sono di solito quelle con la minore percentuale di macchine in giro: anche questa situazione risulta essere un bel vantaggio.

L’unica controindicazione potrebbe essere data dal periodo estivo, durante il quale il sole rende impossibile
correre durante la pausa e allora..bè dovremo armarci di buona volontà ed essere flessibili (come oggi richiedono molti lavori…) e cambiare orario alla nostra corsa! magari al mattino …seguiteci e ve ne parlerò molto presto

<fonte>


Scarica SmanApp Diventa nostro Partner

smanapp

Rispondi