9 Posti dove gustarsi il miglior street food all’italiana

Un viaggio lungo tutto lo stivale, emozionante e coinvolgente, alle radici della cucina italiana più verace, semplice e generosa, fatta di pochi ingredienti poveri, quella che ha nutrito il popolo per secoli. Le bevande e le pietanze dello “street food all’italiana” testimoniano una grande storia, ricca di umanità e creatività: ve la raccontiamo attraverso i tanti protagonisti che abbiamo incontrato. Non certo “cuochi d’artificio” che vogliono stupire con effetti speciali, ma “food maker” che difendono con caparbietà e orgoglio i loro cibi di strada. Donne e uomini che ogni giorno aprono le loro botteghe e i loro chioschi, ove con immutata passione impastano, infornano, friggono, bollono, arrostiscono, regalandoti un sorriso o un moto d’arguzia.

Progetto senza titolo (84).png

Dal Nord al Sud, ad ogni regione il suo street food: ecco una serie di indirizzi da tener a mente per regalarsi un momento di benessere.

I cicchetti dell’ Osteria all’Arco – Venezia:

Anche Venezia vanta una lunga lista di ottimi locali in cui gustare il cibo da strada. Il successo dello street food è il risultato dell’amore dei veneziani per il “cicchetto”, tipico stuzzichino da consumare con un bicchiere di vino. L’Osteria all’Arco, per esempio, propone il cicchetto, un pezzetto di pane o un crostino, farcito con baccalà mantecato, sarde in saor, soppressata con funghi, ma anche con condimenti più comuni, come la crema al tartufo e i vari salumi

Tosteria Mi Casa – Milano:

Ampia scelta di prodotti di qualità, in cui il toast, dalle farciture fantasiose, anche bio e vegane, è il re del menù. Oltre 40 tipi di toast salati e dolci, preparati freschi ogni giorno con pane artigianale, prevalentemente bianco ma anche integrale, seguendo ricette tradizionali, come quello agli spinaci, o più innovative, come quello alla zucca. Il toast più gettonato è il “Mi Casa” con crema allo zafferano, pancetta, pomodori secchi, emulsione di grana e petali di mandorla

Maria delle sgagliozze – Bari

Cosa sono le sgagliozze? Sono fette di polenta fritta con un po’ di sale. A Bari le più buone sono quelle di Maria, una signora di 85 anni, che orni giorno prepara centinaia di sgagliozze davanti alla sua casa, al prezzo di circa 1-3 euro. Una vera icona di Bari vecchia, Maria è davvero famosa: Newskeek la menziona infatti tra 101 migliori posti del mondo in cui mangiare street food.

Nino U’ Ballerino – Palermo

Quando si dice Palermo si dice Pani cà meusa (panino con la milza), la specialità di Nino. A Palermo, Nino (Antonino Buffa) è il punto di riferimento per gli amanti di questo gustoso panino con semi di sesamo, farcito con la milza cotta al vapore nello strutto ed una spolverata di formaggio finale. Al banco di Nino è possibile anche ordinare altri cibi di strada ugualmente buoni: il pane con panelle e cazzilli, le verdurine fritte in pastella, l’insalata di polpo, il pollo allo spiedo e le salsicce con patate.

Premiata Panineria al Pigneto – Roma

Alla Premiata Panineria si mangiano hamburger e panini di ottima qualità a prezzi popolari. Tra i piatti tipici spiccano il Macinato ( pane al sesamo, burger di vitellone igp Lazio, pecorino scamosciato di Picinisco, ketchup rustico e maionese), il Bartolomeo (pane al sesamo, bistecca di pollo, salsa yogurt e pomodoro grigliato al miele della Caffarella) e il Premiato ( pane al nero di seppia, trancio di merluzzo norvegese con panatura ai fiocchi di mais e salsa tartara).

La Folperia di Max e Barbara – Padova

Un chioschetto che offre cibo di strada di qualità a base di pesce; si possono assaporare i folpetti, moscardini lessati, ma anche i bovoletti (lumachine) e le masenette (granchi), oltre a polpette di gamberi, baccalà “mentecato”, frittelle di seppia, pesciolini in saòr, moeche , cappelunghe grigliate e frittura mista.

Il Tortellino – Bologna

Un classico della tradizione emiliana che diventa cibo da passeggio: una vera rivoluzione. I tortellini si gustano per strada e si trasportano comodamente in un bicchiere termoresistente, con forchetta o cucchiaio in legno. Oltre ai tortellini, conditi come si preferisce, ci sono anche altri piatti take away: lasagne, tagliatelle, polpette, scaloppine e roastbeef. I cibi possono essere ordinati anche online e per essere poi consegnati a domicilio: l’ideale per una gustosa ma veloce pausa pranzo in ufficio.

Kalamaro Piadinaro – Riccione

La piada romagnola in più di trenta declinazioni. Al Kalamaro Piadinaro si può mangiare lo storico pisardone, una piada farcita con i sardoncini (alici), ma anche i carpacci di pesce oppure le fritture caratterizzate da una croccante panatura. Le piade vengono prodotte artigianalmente usando tre tipi di impasti: al farro, al grano duro e al grano speziato.

Imperatore – Napoli

Oltre 40 anni di storia e un ricchissimo assortimento di specialità, dalla rosticceria alla cucina, napoletana e classica. Fra le sfiziosità ritroviamo le crocché di patate, gli arancini, i fritti misti all’italiana e le classiche pizzette. Vasta la scelta anche su primi, secondi e dolci anche se il piatto forte di Imperatore rimane la “frittatina di pasta”.


Scarica SmanApp Diventa Nostro Partner

smanapp

 

Rispondi