Dieci consigli per affrontare la maratona

Per affrontare con successo una gara difficile e lunga come la maratona possono essere utili anche una serie di piccoli consigli da seguire il giorno prima della gara, durante la gara stessa e nei giorni successivi.

blog14settembre.png

1) Le scarpe da gara, bene supremo. Se dovete affrontare un viaggio in aereo per recarvi alla sede di gara, mettetele ai piedi oppure portatele con il bagaglio a mano, non si può correre il rischio di dover poi gareggiare con un paio di scarpe nuove acquistate all’ultima ora.

2) Il giorno prima della gara, per chi si allena almeno 4/5 volte alla settimana, è positivo fare 20/30 minuti di corsa lenta con qualche allungo. Riposo invece per chi ha come obiettivo solo quello di finire la gara.

3) Evitare di farsi massaggiare, soprattutto per chi non è abituato, a meno di non soffrire di problemi muscolari.

4) Alla vigilia evitare lo shopping prolungato, come lo stare molte ore in piedi per non appesantirsi le gambe per la gara del giorno dopo.

5) Andare a letto alla solita ora e non con molto anticipo, per evitare di stare poi una buona parte della notte a guardare il soffitto senza prendere sonno.

6) Come abbigliamento per la gara scegliere la classica maglietta tecnica ed un paio di pantaloncini già collaudati da tempo. In caso di giornata fredda e prevedendo di finire la maratona oltre le 4 ore va bene anche una calzamaglia tecnica. Niente capi impermeabili non traspiranti anche se piove. In ogni caso mettere delle vaselina sulle ascelle e sull’interno delle cosce può essere utile per evitare dolorosi sfregamenti.

7) In gara non partire al massimo per non andare prematuramente in crisi. In caso di grave difficoltà smettere di correre ed iniziare a camminare per qualche minuto. Se si tratta di crampi, fare degli esercizi di allungamento e cercare di bere acqua e sali minerali al primo punto di ristoro.

8) Dopo l’arrivo bere subito acqua e bevande con sali minerali, poi, qualche ora dopo, fare un pasto leggero con pasta, carne bianca e verdura.

9) Il giorno dopo la gara, per cercare di smaltire in parte i dolori muscolari e l’acido lattico in circolo, si possono fare 20/30 minuti di corsa blanda più qualche esercizio di mobilità articolare e di stretching.

10) Riposo assoluto invece nel secondo giorno dopo la maratona, da sempre il più duro sotto l’aspetto psico-fisico, sia per il mal di gambe residuo, sia per la caduta verticale dell’adrenalina in corpo.


 Scarica SmanApp Diventa Nostro Partner

smanapp

Rispondi