Come proteggersi dalla pioggia in bici

Non è certo un mistero o un segreto: in Italia bastano poche gocce di pioggia per spaventare la maggior parte dei ciclisti urbani e spingerli a impiegare l’auto durante i giorni piovosi o, altrettanto spesso, ad adottare soluzioni poco logiche sia dal punto di vista dell’abbigliamento sia della guida della bicicletta.blog-75

Alcuni ciclisti tendono a coprirsi troppo e con capi che impediscono la traspirazione mentre altri, per reazione, cominciano a pedalare più velocemente del solito aumentando i rischi e altri ancora, infine, si affidano alla soluzione più pericolosa fra tutte, cioè pedalare con l’ombrello.

Una mano sul manubrio e una a reggere una potenziale “vela” in grado di farli sbandare al minimo colpo di vento.

Eppure in molti Paesi del Nord Europa la pioggia non è un dramma per chi viaggi su due ruote: queste persone non cambiano il loro mezzo per recarsi al lavoro e adottano alcuni semplici accorgimenti per ripararsi dalla pioggia in bici.

Pedalare quando piove è quindi possibile, ma sono ben comprensibili alcuni dubbi: come vestirsi quando si deve andare in bici sotto la pioggia? Quale abbigliamento e quali accessori da ciclismo sono consigliati? Come devo guidare la bicicletta mentre piove? La bici si rovina sotto la pioggia? Che cosa posso fare per evitarlo?

Cercheremo di rispondere a tutte queste domande e fornire qualche consiglio utile in questa guida riguardante le misure antipioggia che possiamo adottare in sella.

Essendoci differenze piuttosto spiccate fra l’andare in bici sotto la pioggia con biciclette urban, biciclette da strada o mtb, in questo articolo ci occuperemo in particolare degli stratagemmi e accorgimenti riguardanti il ciclista urban che deve affrontare il traffico cittadino, mentre dedicheremo post distinti sull’andare in mountain bike sotto la pioggia e in bici da strada sotto la pioggia.

I suggerimenti che vi forniremo valgono in genere anche per le bici a pedalata assistita, ma potrebbero esserci alcune considerazioni da fare, che riguardano più il mezzo che il proprietario.

Non è tanto il motore elettrico per bici a patire la pioggia quanto la batteria: approfondiremo la questione in un futuro articolo.

La preparazione antipioggia prima di salire in sella

Il ciclista urban può andare incontro a due situazioni diverse: o viene colto da un acquazzone improvviso mentre percorre in sella le vie cittadine oppure sa già, prima di uscire di casa, che sta piovendo e/o pioverà.

Mentre nel primo caso le precauzioni possibili sono più limitate, nel secondo possiamo prepararci a dovere.

Se la pioggia dovesse arrivare all’improvviso e fosse molto forte è consigliabile, quando possibile e non fossimo costretti da tempistiche troppo strette, fermarsi e mettersi al riparo, attendendo la fine del temporale.

Una alternativa potrebbe essere di portare sempre con sé, nello zaino o nella borsa, alcuni capi di vestiario che servano come soluzione d’emergenza.

Avendo spazio a disposizione potremmo inoltre portarci dietro un k-way o una mantellina antipioggia, qualche tipo di giacca antivento che occupi poco posto o un poncho impermeabile, ma è poco probabile voler portarsi dietro ogni giorno l’abbigliamento antipioggia “giusto in caso”.

Abbigliamento antipioggia d’emergenza

È quindi più semplice (e occupa anche molto molto meno spazio) pensare a qualche soluzione improvvisata che risulti comunque efficace.

Per quanto poco elegante possa essere, un sacchetto dell’immondizia (quelli neri che misurano 70 per 100 centimetri) può facilmente trasformarsi in una mantella o un poncho antipioggia improvvisato ma in grado di portarvi a destinazione asciutti o quasi visto che è sufficiente aprire un buco per la testa e due per le braccia.

Stessa soluzione per testa e piedi: alcuni sacchetti di plastica più piccoli potranno trasformarsi in efficaci copriscarpe (basterà prestare un po’ più di attenzione alla pedalata) e proteggere anche il vostro zaino o la vostra borsa, mentre potrete mettere una semplice cuffia da doccia sopra o sotto il casco per tenere la testa all’asciutto.

Non facciamoci illusioni: è ben probabile che con queste soluzioni poco consone si arrivi a destinazione comunque un po’ bagnati, ma c’è una importante differenza fra il giungere al lavoro completamente fradici e arrivarci con abiti un po’ inumiditi che asciugheranno facilmente.

<bikelife>


Scarica SmanApp O Diventa Nostro Partner

footer-blog

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...