Aver cura di sé con l’osteopatia

 Hai mai sentito parlare di “Osteopatia”?

Copia di wordpress (38).png

Ti sei mai rivolto a un “Osteopata”? Sai di cosa si tratta? Voglio riportare la tua attenzione indietro nel tempo per raccontarti una storia…

Siamo  intorno all’anno 1850, anno in cui nasce il primo metodo codificato ragionato ad opera del  medico statunitense Andrew Taylor Still  (6 agosto 1828  –  12 dicembre 1917). Egli chiama il suo metodo “osteopatia”. Still diventa fondatore dell’osteopatia e della medicina osteopatica e  fondatore della prima scuola medica osteopatica del mondo.

Questa nuova scienza nacque nel 1874 con l’affermazione  di Still che, essendo l’uomo “il capolavoro della natura”, non era possibile che Dio non gli avesse dato tutti i mezzi per difendersi da solo contro le malattie; bastava quindi che il malato fosse aiutato a sviluppare questi mezzi.

Il lavoro di Still partì dalla riflessione seguita a una epidemia di dissenteria che imperversava in una città del Missouri, dove vide morire molti bambini. Prendendo in braccio un bambino malato si accorse che la regione lombare era molto contratta e l’addome freddo mentre provando a rilasciare la colonna vertebrale con dei massaggi, i muscoli diventavano più morbidi e il ventre meno freddo; in poche parole il bambino sembrava migliorato. Ricominciò il trattamento e il bambino guarì.

L’osteopatia è un metodo non invasivo di valutazione e terapia utile in caso di dolore articolare, muscolare e nervoso. Si rivolge a pazienti di tutte le età e tratta diverse problematiche quali: problemi cervicali, problemi legati alla schiena in gravidanza e non, mal di testa e/o vertigini, dolori articolari, dolori traumatici (colpo di frusta, cervicale), disturbi digestivi, intestinali, genito-urinari e respiratori di tipo funzionale.

OSTEOPATIA E GRAVIDANZA

perché rivolgersi ad un osteopata? Per molte donne la gravidanza significa dover far fronte ad un’ampia gamma di fastidi: mal di schiena, nausee, pesantezza degli arti inferiori e man mano che il bambino cresce si hanno importanti cambiamenti posturali che, amplificano questi disturbi.

L’osteopata è di grande aiuto nel risolvere questi fastidiosi problemi durante tutta la gestazione e riorganizzare il corpo dopo il parto.

OSTEOPATIA, POSTURA E DENTI

Scoliosi? Mal di testa? Andiamo dal dentista!!! Ma cosa c’entra il dentista? Uno squilibrio mandibolare può infatti portare al mal di schiena, al mal di testa, problemi digestivi, acufeni (disturbo uditivo costituito da rumori), vertigini, stress, bruxismo (Digrignamento dei denti). Lo squilibrio della mandibola può essere causato da molti fattori anche semplicemente da un precontatto di un’otturazione troppo alta. Il medico dentista, architetto del cranio, mira a conservare o a ritrovare la relazione cranio-mandibolare, “vera base posturale”, con l’ausilio di dispositivi meccanici quali byte o placche ortopediche.

E l’osteopata? Che ruolo ha in tutto questo? Il ruolo dell’osteopata è quello di togliere i blocchi cranici in seguito a traumi avvenuti e dare nuove informazioni al sistema cranio-mandibolare.

 

OSTEOPATIA E DOLORI VERTEBRALI D’ORIGINE PSICHICA

Tutti sanno che delle irritazioni possono provocare un’ulcera allo stomaco.

Alla stessa maniera, l’ansia, uno stato depressivo, possono manifestarsi con dei dolori vertebrali, vuoi al collo, vuoi al dorso, vuoi ai lombi.

Questi pazienti sono spesso abbonati a trattamenti manipolativi, protratti per lungo tempo, ma senza successo perché non guariranno fino a che non tratteranno il loro stato depressivo. Sono quei pazienti che non accettano la loro diagnosi “depressiva” in quanto il dolore vertebrale è la sola espressione. Ritroviamo però anche persone in situazioni inverse dove cioè pazienti un po’ ansiosi, depressi, o semplicemente nervosi, si lamentano di un dolore vertebrale. Dolore ribelle ai trattamenti abituali, messi sul conto della psiche ma che non cambiano con i trattamenti psicotropi. Ora questi sfortunati hanno veramente un problema vertebrale che si individua quando un osteopata esamina attentamente vertebra per vertebra, senza anche tenere conto dell’aspetto normale delle radiografie, aspetto rassicurante ma che, l’osteopata lo sa, non esclude un problema meccanico locale. Certamente, i “loro nervi fragili” fanno si che questi pazienti risentano più forte degli altri dei loro dolori e che saranno sempre più portati a delle recidive. Ecco che la “manipolazione, eseguita dall’osteopata, permetterà spesso di risolvere quel dolore vero di cui nessuno veniva a capo e che era la causa dello stato depressivo. La manipolazione vertebrale è un tra le terapie manuali, utili per alleviare rapidamente e con efficacia un buon numero di dolori vertebrali, deve essere praticata da figure professionali competenti.

E l’osteopata? Che ruolo ha in tutto questo? Il ruolo dell’osteopata è quello di togliere i blocchi cranici in seguito a traumi avvenuti e dare nuove informazioni al sistema cranio-mandibolare.

La manipolazione vertebrale, una tra le terapie manuali utili per alleviare rapidamente e con efficacia un buon numero di dolori vertebrali, deve essere praticata da figure professionali competenti. 

Cerca tra i nostri Partner quello più vicino a te

Barbara Tarchi Fisioterapista

in collaborazione con

Toschi Daniele Fisioterapista e Osteopata


Scarica SmanApp

 la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

footer-blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...