La paura del giudizio altrui: un mammut che continua a ostacolarti la strada

valentina_tondaSecondo una recente teoria psicologica la ricerca dell’approvazione sociale è un retaggio preistorico, risalente addirittura al tempo in cui i primi uomini avevano a che fare con i mammut.

Una paura arcaica, di cui però è possibile liberarsi. Ecco i consigli per rimuoverla. Mettiamoci una mano sul cuore e ammettiamolo: tutti abbiamo paura del giudizio degli altri, vogliamo essere apprezzati e benvoluti.

Il sito WaitButWhy ha analizzato questo desiderio di approvazione sociale sviluppando la teoria chiamata Social Survival Mammoth. Di cosa si tratta? Dobbiamo tornare indietro al 50.000 a.C. quando i nostri antenati vivevano in una piccola tribù. A quei tempi la tribù era sinonimo di sopravvivenza e significava cibo e protezione: era, quindi, indispensabile essere accettato dagli altri. Può sembrare assurdo ma, da allora, il desiderio di approvazione non è mai scomparso. Ormai da tempo i mammut si sono estinti, ma ancora oggi tendiamo a preoccuparci del pensiero altrui. In un certo senso, il mammut è ancora dentro di noi e ci ostacola nell’esprimere liberamente noi stesse. Ecco come tenerlo sotto controllo.

Ascoltare la tua voce autentica

Pensa a chi frequenti: chi di loro ti piace davvero? Cosa vuoi veramente fare? Qual è il tuo reale rapporto con il lavoro e la persona che ami? Qual è la tua opinione politica? Ti importa davvero della politica? Non fai finta di avere un parere solo per parlare con la gente? La voce autentica sa tutto di noi. Dobbiamo solo ascoltarla con attenzione.

Quando far sparire il tuo mammut

Tu sei un essere umano e tutti gli esseri umani hanno un mammut nella loro testa, punto. Non è carino, ma è così. Cerca di ritagliarti delle aree importanti della tua vita libere dall’influenza del mammut: ad esempio la scelta del partner e della carriera. Chiediti sempre: “Quando devo essere del tutto fedele a me stessa?”.

Dove si nasconde il tuo mammut?

Cerca di scoprire dove si trova la tua più grande paura. Subisci troppo stress sul posto di lavoro? Temi di deludere i tuoi genitori e fai di tutto per appagarli? Non prendi una decisione senza il permesso o l’approvazione di qualcuno?

Ricordati: i mammut sono stupide creature primitive e non hanno alcuna conoscenza del mondo moderno. Ecco cosa ti fanno pensare e come devi reagire:

– Tutti parlano di me e mi giudicano: rilassati, non sei al centro dell’attenzione di tutti. Le persone sono più concentrate su stesse di quello che credi.

– Posso piacere a tutti: sì, forse in una tribù di 40 persone. Nel mondo di oggi, puoi essere approvato (forse) da un piccolo gruppo ma non da tutti. È impossibile.

– Essere disapprovati vuol dire avere conseguenze reali sulla vita: è tipico del mammut fabbricare una visione catastrofica dei rifiuti. In realtà di solito dopo un rifiuto non accade nulla.

– Ho deluso chi mi vuole bene e ha investito in me: sono una cattiva persona! Stai tranquilla: chi ti vuole bene accetta le tue decisioni ed è felice di vederti felice.

– Non ce la farò mai! chi l’ha detto? Stai tranquillo e credi in te stesso, sono riuscita a superare gli ostacoli della mia testa correndo 10 km con SmanaApp: Se credi in te stesso nessun ostacolo ti risulterà insormontabile.

Se risponderai nel modo giusto a queste domande ansiogene che il tuo mammut ti pone continuamente, lo renderai sempre più debole. Talvolta verrai vista come strana, egoista o eccentrica, ma scoprirai il piacere impagabile di dire ogni tanto un bel “ma chi se ne frega!” e andare avanti per la tua strada. Alla faccia dei mammut.

 


Segui la Sfida Di Va…lentina Slow Run Mum

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...