I re di Novembre: cinque alimenti di stagione preziosi per salute e palato

I 5 top food di Novembre: squisiti e pieni di superpoteri per l’organismo: scopriamoli insieme.

kumquat_smanapp

I nostri nonni e le nostre nonne non si sarebbero mai sognati di mangiare le fragole a gennaio, o i broccoli ad agosto.

Ora noi, se vogliamo, lo possiamo fare… sempre che tra i nostri sogni più sfrenati ci sia pagare a peso d’oro qualcosa che non ha alcun sapore.

Viviamo in un mondo interconnesso in cui prodotti di ogni tipo vengono colti, surgelati e inviati ovunque. Ma questa procedura ha un costo molto alto in termini di sapore e proprietà benefiche.

Insomma, anche ora che tutto è teoricamente a disposizione la soluzione migliore, più gustosa e più sana è e rimane nutrirsi di frutta e verdura di stagione, possibilmente a Km zero, seguendo le indicazioni di Madre Natura.

Novembre è un mese splendido, che ci offre ortaggi dai sapori forti, adatti a confortarci e rinvigorirci ora che la bella stagione è davvero alle nostre spalle, e frutti colmi di sostanze nutrienti e protettive contro i malanni invernali. Abbiamo scelto la nostra top 5, ed eccoci qua!

1. Patate

Regine inconstrate della tavola autunnale. Economiche, ricche di vitamine e minerali, sostanziose ma non grasse, le patate danno il meglio di sé in autunno inoltrato. Arrosto, fritte, al vapore, alla Dauphinoise, sulla brace, alla diavola, bollite, in insalata, piacciono a tutti, adulti, anziani e bambini.

Vien da chiedersi come abbiano fatto i nostri antenati europei a sopravvivere prima della scoperta dell’America, che portò con sé questo tubero veramente magico.

2. Cavolo rosso… e altri cavoli

In Italia non è così popolare, ma si tratta di un ortaggio prezioso e squisito amato e usatissimo in buona parte d’Europa e del mondo. Colorato, croccante e compatto, si presta a essere consumato in insalata o passato in padella con mela, pancetta e aceto balsamico. La sua apoteosi: servito come contorno a un piatto di costine di maiale. Come tutte le crucifere, ha potenti proprietà curative e, pare, anti-cancerogene.

Questa famiglia di ortaggi dalle incredibili proprietà benefiche, che comprende anche cavolo nero (amatissimo in Toscana per zuppe e crostini), cavolo cappuccio, cavolfiore, cavolini di Bruxelles e broccoli, contende alle patate il titolo di alimento autunnale per eccellenza.

3. Rape rosse… e altre radici

Il colore purpureo inquieta un po’, dando la sensazione che questi grossi ortaggi rotondi sanguinino a ogni taglio. Sono piuttosto dolci e ben si prestano a dare “spinta” sia cromatica che di gusto a molte ricette. Ottime anche mangiate da sole, con olio, aceto e una manciata di capperi per contrastarne la dolcezza. Fanno bene a praticamente tutto, in particolare sono ricche di vitamine e altre sostanze adatte proteggere il sistema immunitario. Per quanto riguarda il mondo delle rape e affini, se ne contano moltissime varietà, anche piuttosto curiose, le varianti sono centinaia e i nomi si fanno misteriosi ed esotici: topinanbur, scorzonera, pastinaca, daikon, rutabaga (la rara rapa svedese).

4. Carciofi

Altri imperatori della tavola autunnale, i carciofi più che degli ortaggi sono delle miniere. Contengono calcio, fosforo, magnesio, ferro e potassio. Diuretici, servono a diminuire i livelli di colesterolo, regolano l’appetito, sono disintossicanti, stimolano il fegato, purificano il sangue, rinforzano il cuore, sciolgono i calcoli. Insomma, ci manca solo che si mettano a giocare a calcio e a far di conto. Al di là delle proprietà benefiche superlative, come se non bastasse, sono buonissimi cucinati in qualunque maniera, in umido, al vapore, ripieni, alla giudìa…

Se possibile, però, non comprateli sott’olio o surgelati: il congelamento e la lunga conservazione ne alterano pesantemente sapore e proprietà, più che in altri ortaggi.

5. Kumquat

L’autunno mette in fila una vera armata di frutti ipervitaminici, alleati preziosi contro influenze e raffreddori stagionali. Se tutto si è già detto dei “superpoteri” di mirtilli, kiwi, limoni, cachi, arance e melagrane, il Kumquat, o mandarino cinese, è ancora un oggetto parzialmente misterioso a queste latitudini.

Piccolo e quasi luccicante nel suo mantello arancione, il mandarino cinese, a differenza di tutti gli altri agrumi, non appartiene al genere “Citrus” ma al (beneaugurante) genere “Fortunella”. E già questo ce lo rende simpatico.

Molto aromatico, ricco di vitamine (soprattutto la C) e minerali, secondo gli esperti ha proprietà di ogni tipo: aiuta il sistema immunitario, le vie respiratorie, la digestione, la pelle e il sistema nervoso. Ma sopratutto sembra contenere una quantità esagerata di oli essenziali che gli danno proprietà antinfiammatorie, antibatteriche, antimicrobiche e antitumorali. Insomma, “Fortunelli” siamo noi che possiamo usufruirne! Un’avvertenza: va lavato molto bene, poiché, al contrario dei suoi parenti stretti, si mangia rigorosamente con la buccia!

Il benessere e la sicurezza sono parenti strette: mangiare sano è importante, ma lo è altrettanto non correre rischi quando svolgi un’attività fisica che ti porta a contatto con gli utenti della strada, come correre o andare in bicicletta. Attiva sempre SmanApp e segnala la tua presenza agli automobilisti, in modo da dargli il tempo di rallentare ed evitare incidenti. Sicurezza e benessere: due facce della stessa medaglia!

Scarica SmanApp

 la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...