Ambiente e cibo: febbraio, pesce sì, ma di stagione!

Non solo la frutta e la verdura vanno scelte tra quelle di stagione: anche il pesce ha la sua periodicità. Vediamo quali specie andrebbero consumate a febbraio per aiutare ambiente e benessere.

sardine

Di solito quando pensiamo al pesce, non ci viene in mente di cercarlo “di stagione”. Questo è un errore: infatti, anche i pesci hanno la loro stagionalità. La scelta migliore è sempre quella con la minore distanza rispetto ai luoghi di produzione, con un occhio di riguardo al periodo dell’anno.

In questo modo ci occupiamo dell’ambiente, della qualità del cibo, della nostra salute e anche del nostro portafogli. Infatti, un pesce di stagione pescato nel mar Mediterraneo sarà sicuramente più sano ed economico, con minori spese di trasporto e di conservazione. Nel nostro mare, per esempio, c’è tantissimo pesce azzurro, benefico per il cuore e ricco di Omega 3.

Vi proponiamo quindi il calendario delle stagionalità del pesce che si trova nei nostri mari per il periodo che va da gennaio ad aprile, tratto dal sito dell’Associazione Difesa Orientamento Consumatori.

Gennaio

Nasello, sardina, sogliola, spigola, triglia, alice, calamaretto, cefalo, cernia, dentice, pannocchia, pesce di San Pietro, polpo, ricciola, rombo, sarago, scorfano, seppia, sgombro.

Febbraio

Nasello, sardina, sgombro, sogliola, spigola, alice, calamaro, cefalo, cernia, dentice, mazzancolle, ombrina, pannocchia, ricciola, rombo, pesce di San Pietro, scorfano, seppia, tonno rosso, vongola verace.

Marzo

Nasello, acciuga, sogliola, triglia, alice, cefalo, cernia, dentice, gamberetto rosa, granchio, mazzancolla, pannocchia, pesce di San Pietro, rana pescatrice, razza, ricciola, rombo, sarago, scampo, scorfano, seppia, sgombro, tonno rosso, vongola verace.

Aprile

Acciuga, cefalo, dentice, nasello, pesce spada, sardina, sogliola, sgombro, tonno, triglia, alice, aragosta, cernia, gamberetto rosa, granchio, mazzancolla, pesce di San Pietro, rana pescatrice, razza, ricciola, sarago, scampo, scorfano, seppia, spigola, totano.

 

I pesci di Febbraio

Vediamo nella lista per il mese di Febbraio tantissimi tipi di pesce. Tra i più noti e frequenti sugli scaffali delle pescherie, troviamo il nasello, il pesce San Pietro, il polpo, le seppie e i calamari.

Tra i pesci azzurri, sardine, alici e sgombri. Ci sono poi specie pregiate e meno frequenti, dall’ombrina alla ricciola al nobile dentice, e, infine, pesci spesso trascurati o ritenuti “da zuppa” che in realtà fanno la loro splendida figura anche cucinati al forno o in padella, come il cefalo e lo scorfano.

Ci sono tantissimi pesci meno conosciuti ed economici che possono, infatti, permetterci di variare la nostra alimentazione, risparmiare e scegliere il gusto rispetto al nome: perché spendere per comprare sempre le solite orate e spigole, quando ambiente e conto in banca troverebbero sicuro giovamento dalla scelta di altre specie meno note?

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...