L’Europa unita dai pedali… un sogno per il 2020

Il viaggiatore a pedali ha, da sempre, un sogno. Una pista ciclabile che permetta di arrivare ovunque. Un’idea fino a poco tempo fa impensabile, che tra due anni in Europa potrebbe diventare realtà!

europe bike smanapp

Dal Portogallo alla Polonia, dalla Norvegia alla Grecia

L’idea di una rete continua di ciclabili in grado di coprire tutta l’Europa è probabilmente il desiderio proibito di tutti gli appassionati. Un desiderio che si sta cominciando a realizzare, grazie alla Federazione Europea dei Ciclisti (ECF), che sta tentando di unire l’Europa intera almeno per quanto riguarda gli amanti delle due ruote.

Il progetto prevede 15 itinerari che dovrebbero attraversare 43 Stati. Un totale di 75mila km. di cui 45mila esistono già.

I  percorsi previsti sono d’immenso fascino: un esempio è la pista atlantica che prevede di percorrere le coste di Portogallo, Galles, Irlanda, Scozia e Norvegia abbandonando il mezzo solamente per le inevitabili traversate marittime.

Un altro esempio? La cosiddetta pista del Mediterraneo, che unirebbe la Spagna e la Grecia passando per Francia, Italia, Slovenia, Croazia, Montenegro, Albania.

In Italia, al momento, sono previsti due percorsi da nord a sud più una parte dell’itinerario mediterraneo, che attraverserebbe la pianura padana e le coste veneto-friulane.

La fine dei lavori è prevista per il 2020: manca poco per unire l’Europa con la forza dei pedali!

Articolo di riferimento sul sito Linkiesta.it (link diretto qui)

L’Europa in bicicletta

Ma come sono messe le grandi nazioni europee, rispetto all’Italia, dal punto di vista del ciclista appassionato? Facciamo qualche esempio.

La Svizzera, pur difficile da affrontare per la grande quantità di montagne, offre il servizio treno+bici migliore d’Europa. In Francia le ciclabili sono più diffuse rispetto all’Italia, ma nelle grandi città la situazione non è ottimale.

La Germania e l’Austria al contrario hanno favorito grandemente la diffusione delle bici urbane, rendendo le sue più grandi città particolarmente gradite ai ciclisti.

Danimarca e Olanda sono generalmente riconosciute come paradiso dei ciclisti: poco dislivello, tanta pianura, una cultura locale che tiene in gran conto l’attenzione all’ambiente, piste ciclabili ben organizzate sia in città che in campagna (qui un link per approfondire).

La peggiore di tutte? Anche se l’Italia non è certo in vetta alla classifica delle nazioni bike-friendly, la maglia nera tocca a Malta: il traffico dell’isola è caotico e tiene in ben poco conto le esigenze di chi ama pedalare.

E in Italia?

Scorrendo la classifica della Federazione Europea Ciclisti, purtroppo l’Italia ha poco di cui essere soddisfatta, visto che dal 2013 al 2017 ha perso ben quattro posizioni in Europa (dal 13esimo al 17esimo), facendosi superare da Croazia, Lituania, Slovenia e Lussemburgo, con la Spagna che sta risalendo posizioni su posizioni e la tallona al 18esimo posto (per approfondire, un link).

Invertire la tendenza è davvero necessario, soprattutto ora che l’ipotesi di una rete ciclabile paneuropea non è più solo il miraggio di pochi ambientalisti, ma una vera scommessa per il futuro.

Quando sei in bicicletta la sicurezza è tutto! Scarica SmanApp per comunicare la tua presenza agli altri utenti della strada, in particolare agli automobilisti, in modo da permettere loro di rallentare, evitando impatti e incidenti. Pedala in sicurezza con SmanApp!

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...