Alla scoperta delle migliori terme d’Italia (parte 1)

Immergersi nell’acqua calda mentre fuori fa tanto freddo. Farsi massaggiare dimenticando lo stress quotidiano. Uno dei modi più antichi del mondo per sentirsi bene!

terme_smanapp

Un’idea piacevole per un weekend d’inverno? Ma le terme, naturalmente.

Dedicarsi a un percorso di benessere e massaggi per dare al corpo qualcosa di buono con cui riprendersi da una settimana di vita sedentaria in ufficio.

Scoprire le gioie delle saune, delle docce emozionali, del trattamento Kneipp… o semplicemente, stare a mollo, immersi in acqua bollente, magari solforosa, sorseggiando un cocktail mentre fuori fa freddo. Il tutto in contesti bellissimi, scenari naturali mozzafiato o edifici storici dall’architettura straordinaria.

Se l’idea vi ispira, ecco qualche destinazione che non vi deluderà sicuramente!

1. Saturnia, Grosseto

L’acqua solforosa delle Terme di Saturnia precipita a cascata ribollendo in piscine naturali di bianca pietra calcarea, creando uno scenario quasi soprannaturale.

Gli antichi Romani pensavano che queste cascate curative fossero state create dal dio Saturno per pacificare l’umanità e, in effetti, tuttora migliaia di persone si affollano in questo luogo straordinario… tornando sempre a casa sorridenti, grazie ai pregi di un’acqua termale serve ad abbassare la pressione del sangue e a guarire le malattie della pelle.

Potete scegliere tra la moderna struttura delle vicine terme, comprensive di trattamenti e massaggi, o semplicemente godervi le cascate a ingresso gratuito, immergendovi nei vapori benefici.

2. Vulcano, Isole Eolie, Sicilia

Accessibili solamente via nave, sia le sorgenti termali che i bagni di fango sono a poca distanza a piedi dal porticciolo. Un’alternativa unica al mondo alla classica esperienza della Spa.

Il fango naturale di quest’isola vulcanica di straordinaria bellezza è un toccasana per muscoli, giunture e ossa, oltre a guarire molte malattie della pelle. Intorno, lo scenario irreale delle spiagge di sabbia nera, e i camini fumanti del grande vulcano ancora attivo.

Cosa potremmo desiderare di più?

3. Petriolo, Firenze

Sul confine tra i comuni di Monticiano e Civitella Paganico, non distanti da Firenze, le sorgenti calde di Petriolo erano ben conosciute fin dai tempi degli Etruschi.

Circondate da querce secolari e alberi di castagno, ai piedi di solenni, antiche rovine diroccate, queste piscine storiche hanno un fascino speciale.

Anche in questo caso, è possibile scegliere tra l’impianto termale moderno e ben fornito e la zona libera e gratuita delle pozze sulfuree, più bella ma, almeno nei weekend, molto più affollata.

4. Bagni di Bormio, Sondrio

Nel nord della Lombardia si trova la piccola città medievale di Bormio, rinomata per gli sport invernali e per le sue sorgenti calde. Tre possibilità: i Bagni Vecchi, i Bagni Nuovi e le Terme. I Bagni Vecchi hanno dalla loro parte il fascino di una storia millenaria, una piscina collocata in un antico tunnel risalente all’Impero Romano e il panorama mozzafiato delle Dolomiti.

Le Terme vicine offrono invece un moderno centro wellness dotato di tutti i confort e di una grande quantità di trattamenti.

5. Sirmione, Brescia

La cittadina di Sirmione, con le sue torri merlate affacciate sul lago di Garda, è una meta splendida anche per chi non è interessato alle terme. Per chi invece si vuole dedicare alla cura del corpo, l’acqua di Sirmione è un autentico elisir di lunga vita, in particolare per il sistema respiratorio.

I Bagni di Sirmione sono tra i migliori in Italia, grazie alla quantità di servizi che vanno dalle piscine termali ai trattamenti con il fango e ai massaggi ayurvedici.

Sirmione è una destinazione perfetta per una vacanza che unisca cultura, bellezza e benessere… del resto, se alcuni dei più grandi poeti della storia, da Catullo a Carducci a Ezra Pound, venivano in questi luoghi a trovare ispirazione, qualcosa vorrà pur dire, no?

Il nostro viaggio alla ricerca delle migliori terme d’Italia non finisce qui: appuntamento alla prossima settimana alla scoperta di Salsomaggiore, Abano, San Filippo, Bagno Vignoni e Ischia.

Mentre sei in viaggio, magari per una giornata dedicata ai bagni termali, ricordati sempre di attivare SmanApp, in modo da poter ricevere utili segnalazioni sulla presenza di gruppi di runner, ciclisti, lavori in corso, incidenti, disabili e altri pericoli generici sul tuo percorso. Guidare è bello, ma farlo in sicurezza con SmanApp è meglio!

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

2 pensieri riguardo “Alla scoperta delle migliori terme d’Italia (parte 1)

Rispondi