Sicurezza stradale: parliamo di velocità

Poche righe per ricordare ancora una volta la principale causa degli incidenti: la velocità. Finché gli automobilisti non impareranno a rallentare, ogni intervento sarà solo un palliativo.

speed smanapp

“Uffa, abbiamo capito!”.

Ci sembra di vederli, i guidatori, soprattutto quelli più giovani.

Uno sbuffo, spallucce. Che sarà mai? Io ho i riflessi pronti! Io mi so controllare!

Purtroppo, non è così.

La velocità è la principale colpevole degli incidenti.

Più dell’alcool, più dei telefonini, più della guida troppo lenta. Più di tutto.

Ma perché la velocità è pericolosa?

Stavolta vogliamo fare un tentativo diverso dal solito.

Anziché continuare a stigmatizzare la guida veloce, abbiamo deciso di raccontarvi una cosa talmente ovvia da essere quasi ignorata: i motivi per cui la velocità è pericolosa.

A forza di dare per scontato questo problema, finiamo per dimenticarci di sottolineare i motivi, le ragioni del rischio. La velocità non è un concetto astratto, la velocità ha delle conseguenze misurabili scientificamente.

Non vogliamo dilungarci: è sufficiente un elenco a punti, rapido e conciso.

  1. A una velocità troppo alta, airbag e cinture di sicurezza non sono sufficienti ad assicurare la salvezza del passeggero.

  2. La velocità di reazione del guidatore è insufficiente, ad alta velocità. Nel tempo necessario a realizzare che c’è un pericolo, ce lo troviamo già addosso.

  3. In caso di incidente con un pedone, è sufficiente una velocità non altissima (per esempio 50 km all’ora) perché lo scontro sia potenzialmente mortale.

  4. In caso di frontale, basta una velocità di 50 km all’ora perché sia potenzialmente fatale per entrambi i conducenti. Infatti, è una semplice legge fisica, due corpi che cozzano contro l’altro a 50 km/h ricevono un impatto pari alla somma delle due velocità, quindi è come schiantarsi contro un muro a 100 all’ora.

  5. La velocità dipende dalle condizioni del meteo e della strada. Non esiste una velocità giusta per tutte le circostanze: in caso di fondo dissestato, di nebbia, neve o ghiaccio, di visibilità ridotta, la velocità giusta è quella che permette tempi corretti di reazione date le condizioni.

  6. L’alta velocità provoca l’effetto tunnel, limitando la visione periferica. Questo significa che un improvviso ostacolo (pedone, bicicletta, animale) che entri lateralmente nel tuo campo visivo verrà ignorato dal guidatore finché è troppo tardi.

  7. Se il guidatore raddoppia la velocità, non vuol dire che raddoppi anche il tempo di frenata: la verità è che tale tempo si quadruplica.

  8. In curva l’alta velocità aumenta esponenzialmente il rischio di perdere il controllo del veicolo ed entrare in testacoda.

Qui il link al nostro articolo di riferimento.

Oltre a rallentare, ricordati di attivare SmanApp: potrai ricevere segnalazioni di eventuali rischi o pericoli sulla strada, come lavori in corso, incidenti, presenza di gruppi di runner, ciclisti o disabili, animali abbandonati e pericoli generici. Guidare è bello, ma farlo in sicurezza è meglio con SmanApp!

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...