Prima o poi sei un pedone anche tu

Alla ricerca dell’empatia perduta. Il problema principale, nel difficile rapporto tra ciclisti, pedoni e automobilisti, è non riuscire a mettersi mai l’uno nei panni dell’altro. 

lautomobilista_resp_blog_626x412

La strada è sempre più spesso il luogo dove esplodono le peggiori frustrazioni. Liti terrificanti per una precedenza, una frenata, un sorpasso, sono all’ordine del giorno. Tra le varie categorie di utenti ci si parla solo a suon di lamentele e insulti.

Il pedone, il più fragile tra gli abitanti di quella sorta di ecosistema caotico – non a caso detto anche “giungla d’asfalto” – fa notare giustamente di essere il più penalizzato, quello che conta il maggior numero di vittime sulla strada.

“Io non ho corazze, né ruote, né paraurti rinforzati per proteggermi. Se mi colpite mi faccio molto male: pensate alla mia salute”, suggerisce, e ne ha tutte le ragioni.

Nello stesso tempo, però, agisce spesso senza pensare, magari spuntando in strada all’improvviso da dietro un’auto, attraversando lontano dalle strisce, senza guardare, gli occhi incollati allo smartphone.

Il ciclista, nuova specie urbana in aumento grazie anche alle campagne di bike sharing e all’esigenza sempre più sentita di diminuire traffico e inquinamento, subisce l’ostilità costante degli automobilisti, che mal lo tollerano.

Gli incidenti provocati dalle bici sono decisamente inferiori a quelli causati dalle auto, ma purtroppo i ciclisti sono anch’essi utenti fragili, e quando vengono coinvolti in uno scontro hanno, inevitabilmente, la peggio. 

Per questo hanno profondamente ragione a chiedere attenzione e prudenza ai guidatori di auto. D’altra parte, però, si comportano spesso come se il Codice della Strada non li riguardasse e – trascurati dagli automobilisti – ignorano a loro volta i pedoni, mettendone a rischio l’incolumità.

Infine, chi guida l’auto si sente protetto nella sua bolla metallica, e vive con fastidio tutto ciò che lo rallenta. La presenza di ciclisti e pedoni viene vissuta come un generico “ostacolo” alla libertà di andare più velocemente possibile da A a B. 

Risultato? Incomprensioni, litigi, incidenti. Nei forum dei ciclisti ci si accanisce contro le auto rivendicando anche una sorta di superiorità morale, nei forum dei guidatori la bicicletta è vista come il fumo negli occhi. Intanto i pedoni devono proteggersi da soli, visto che nessuno si pone il problema della loro sopravvivenza.

Basterebbe, io credo, ricordare un dettaglio: avere due, quattro o nessuna ruota non è uno status permanente. 

Ogni automobilista scende dal suo mezzo, ogni tanto, e percorre le strade a piedi. In quel momento, il pedone è lui. Il ciclista sarà talvolta anche automobilista, e diventerà spesso pedone.

Siamo tutti pedoni. Tutti. 

Anche tu, che a bordo di un Suv blindato guidi con gli occhi e le mani inchiodate al cellulare, prima o poi scenderai dall’auto. In quel momento diventerai un pedone.

Ricordalo quando sei alla guida: prima o poi sei un pedone anche tu.

Anche tu, ciclista che brucia strisce e semafori a tutta velocità, quando ti fermi diventi un fragile pedone che potrebbe essere travolto da quelli come te.

Ricordalo quando ti avvicini a un passaggio pedonale. Prima o poi sei un pedone anche tu.

Vorrei che venisse ripetuto come un mantra: prima o poi sei un pedone anche tu.

Prima o poi sei un pedone anche tu.

 

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

5 pensieri riguardo “Prima o poi sei un pedone anche tu

  1. Innegabile, nessuno rispetta le regole nei confronti di nessuno… le auto dovrebbero lasciar passare i pedoni e non lo fanno, i pedoni dovrebbero attraversare sulle strisce e non lo fanno, le bici circolano a zig zag in mezzo alla strada… io sono autista e pedone, ciclista proprio no, e mi rendo conto di comportarmi esattamente come descritto 😅

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...