8 cose da non dire al vostro capufficio

Quali sono le frasi più detestate dai datori di lavoro? Vediamole insieme e cerchiamo di non dirle… se non è proprio indispensabile!

office smanapp

Uno dei maggiori siti di riferimento del mondo del lavoro nel mondo, Monster.com, ha pubblicato una lista delle frasi dei lavoratori dipendenti che fanno più spesso saltare i nervi ai loro boss.

Si tratta di frasi apparentemente innocenti, che però nascondono gravi difetti di fondo, come la convinzione di fallire prima ancora di aver iniziato un lavoro, o la mancanza di elasticità.

Vediamole.

1. Nel mio vecchio ufficio non si faceva così.

Non sei più dov’eri prima. Il passato è passato, ora sei qui, fattene una ragione.

Se pensi che il lavoro potrebbe essere fatto meglio in un altro modo, può essere utile che tu lo dica, ma formulando la frase diversamente, in positivo: “Non so se può servire, ma…”.

2. Tal dei Tali non sta facendo il suo lavoro.

Non è mai piacevole che qualcuno parli male dei colleghi, peggio ancora se lo fa per mettersi in buona luce con i capi. La risposta migliore è: “Questo non è un tuo problema, pensa a quello che devi fare”.

Accettabile, al contrario, se stai subendo un danno diretto da un collega, o se ti è stata data una colpa che non è tua.

3. Questo non è il lavoro per cui ho studiato.

Ci dispiace tantissimo. Peccato che sia il lavoro per cui ti abbiamo assunto.

4. Può farlo qualcun altro?

Se volevamo che lo facesse qualcun altro, lo avremmo chiesto a qualcun altro. Obiezione respinta.

5. Avrò una promozione o un aumento se faccio questa cosa?

Messa così sembra molto un ricatto: se non mi date un aumento questa cosa non la faccio.

Il datore di lavoro ha due possibilità, una molto diplomatica, l’altra per niente:

“Vedremo” oppure “No, ma se non la fai avrai un grosso problema”.

6. Questo non è il mio lavoro.

Ora lo è.

A parte gli scherzi, naturalmente, la frase è sacrosanta se ti è stato richiesto di fare qualcosa di umiliante, sconveniente o addirittura illegale…

7. Ci proverò.

Insostenibile. L’impiegato mette subito le mani avanti, facendo capire che probabilmente sbaglierà… e con un approccio del genere, sbaglierà di sicuro. O lo fai o non lo fai, provare non è previsto.

8. Come si fa?

Se il tipo di lavoro richiesto è chiaramente attinente ai tuoi compiti, non è una domanda accettabile: devi saperlo fare e, se non lo sai fare, abbiamo un problema. Al contrario, se si parla di nuove mansioni, la domanda è lecita e, anzi, necessaria.

Per leggere l’articolo di riferimento, cliccate qui.

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...