Prima volta a cavallo? 5 problemi da risolvere

Imparare a cavalcare è un’esperienza magnifica, che avvicina alla natura e dà benefici sia al corpo che alla mente. Ecco alcuni consigli per chi si approccia per la prima volta al mondo dell’equitazione.

horse smanapp

Cavalcare è un’esperienza divertentissima e benefica, rilassante e terapeutica. Non solo, secondo molti studiosi è anche uno sport che migliora i processi cognitivi e psicologici.

Avere a che fare con un cavallo, però, non è facile: richiede molta pazienza, tempo e denaro per fare esperienza.

Il premio è la grande soddisfazione di instaurare una speciale relazione dinamica e simbiotica, che tutti gli amanti di equitazione ben conoscono, che nasce dal lavoro fatto con queste creature straordinarie.

Questo bellissimo sport, come ogni nuova abilità, richiede soprattutto due cose: studio e pratica.

Col tempo e con l’esperienza, riuscirete senz’altro a risolvere i problemi che affliggono i cavallerizzi alle prime armi. Intanto, ecco qualche consiglio per affrontare quelle che, secondo noi, sono le cinque difficoltà più tipiche del principiante.

1. Il cavallo sembra inavvicinabile o aggressivo

In generale, i cavalli non amano essere avvicinati frontalmente. Quando vi avvicinate, camminate descrivendo un arco, in modo che l’animale sia consapevole della vostra presenza.

Assicuratevi che l’animale vi abbia visto, evitando però di guardarlo dritto negli occhi.

Solo a questo punto, quando sarete abbastanza vicini, stendete una mano da far annusare al quadrupede. Accarezzatelo gentilmente prima di montare in sella, questo permetterà di instaurare un buon rapporto iniziale tra di voi.

2. Non riuscite a montare

I cavalli di solito sono addestrati ad accettare il cavaliere che monta sul lato sinistro, quindi assicuratevi di essere dalla parte giusta.

Se il cavallo si muove, lasciatelo fare e cercate intanto un punto d’equilibrio. Non forzatelo a stare immobile: piuttosto, cercate di controllarne la direzione.

State attenti a distribuire il vostro peso in modo armonico spingendo verso il basso con la mano sulla spalla destra (se montate appunto dal lato sinistro).

3. Quando siete in sella, vi sentite insicuri o instabili

Questo di solito dipende da una postura sbagliata e male allineata con l’animale.

Come regola di base, la giusta postura dovrebbe permettere di tirare una linea dritta che passi da orecchio, spalla, bacino e caviglia. Dovete avere le spalle e la schiena dritta, e la maggior parte del piede deve essere posizionata solidamente sulla staffa.

4. Il cavallo non si ferma quando tirate le redini

Fermarsi, a cavallo, è una combinazione di comandi verbali, posizione del corpo e movimento delle redini.

Iniziate con un comando vocale (per esempio, il classico “whoa!”), seguito da un’azione pratica: avvicinate gli indici e tirate indietro le redini, collocandovi stesso tempo in modo più deciso nella sella per far sentire all’animale la vostra pressione sul dorso.

5. Il cavallo impenna o corre troppo veloce e ignora i comandi

Questa situazione è la più temuta, perché può far correre rischi anche gravi al cavaliere.

Per cavarsela può essere necessario usare una tecnica d’emergenza: tenendo strette le redini con entrambe le mani, tirate solo da una parte costringendo il cavallo a girare la testa. In questo modo dovrà rallentare e prendere un’andatura circolare.

Questo “freno d’emergenza” può effettivamente risolvere la situazione, ma è una tecnica da usare solo in casi estremi.

Tenete conto, infatti, che se il cavallo è del tutto fuori controllo o corre davvero molto veloce, una mossa del genere, specie se fatta troppo bruscamente, può essere comunque pericolosa.

Una regola di base

Un ultimo consiglio, di ordine generale: come le persone, anche i cavalli hanno differenti personalità. Alcuni sono più tranquilli e gestibili, altri possono tendere ad agitarsi facilmente o a recepire meno gli ordini.

Per questo, in generale, il cavaliere principiante deve ricordarsi di mantenere sempre la calma, comportarsi con gentilezza e non essere aggressivo nei confronti del cavallo: sono animali assai intelligenti, ma sono timidi e tendono a spaventarsi facilmente.

Naturalmente questi consigli sono solo una minima base di partenza: l’equitazione è un’arte antica e complessa, e impadronirsene richiede anni e anni di studio e di pratica.

(Libera traduzione di un articolo in inglese tratto da Petful.com: qui il link

Che tu sia in auto, in bici, a piedi o a cavallo, attiva SmanApp: potrai segnalare la tua presenza agli altri utenti della strada e, in caso di emergenza, inviare un SOS geolocalizzato a un numero di tua fiducia.

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

Un pensiero riguardo “Prima volta a cavallo? 5 problemi da risolvere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...