Gadget antiaggressione: un mondo da scoprire

La nuova frontiera della sicurezza personale prevede anche questo: piccoli oggetti che possono salvarci in caso di emergenza. Utili anche in caso di guasto o incidente in luogo isolato.

lautomobilista_resp_blog_626x412

Viviamo tempi pericolosi. O almeno, così li percepiamo.

Non è questa la sede per un dibattito sulle paure dilaganti nella società occidentale e su quanto i nostri tempi siano peggiori o migliori di quelli dei nostri nonni o genitori, ma è un dato di fatto che il mercato degli oggetti “antiaggressione” sia sempre più fiorente.

Del resto, le statistiche dicono che una donna su tre ha subito forme di violenza fisica o sessuale. Questo è, a prescindere, un buon motivo per proteggersi. Ma il problema non riguarda solamente il sesso femminile: può succedere a chiunque di trovarsi in una situazione in cui è necessario chiedere aiuto.

La domanda a cui rispondono questi gadget è: come possiamo migliorare la nostra sicurezza personale?

Come arrivare là dove non c’è tempo e modo di chiedere aiuto, usare uno spray al peperoncino, chiamare la polizia?

Noi di SmanApp ci siamo posti già da tempo questo problema: tra le varie funzioni del nostro pannello di controllo c’è la possibilità di premere rapidamente un tasto SOS che invia un messaggio geolocalizzato di richiesta d’aiuto al numero di una persona di fiducia.

Una funzione estremamente utile ed efficace per comunicare velocemente in caso di emergenza, all’interno di un’App che, lo ricordiamo, è completamente gratuita.

Ma che succede se, per qualche ragione, non posso in alcun modo raggiungere fisicamente il telefono?

Per rispondere a questa domanda, si sta aprendo un autentico piccolo bazar di varia oggettistica, a volte utile, a volte meno, con varie fasce di prezzo.

A questo problema hanno infatti cercato di rispondere vari oggetti che hanno preso le sembianze di orologi, pendenti, anelli e simili, dotati di pulsanti d’emergenza che permettono di chiamare aiuto o far partire un allarme immediato.

Vediamo alcuni di tali oggetti nel dettaglio, rimandandovi per le immagini, i prezzi e i dettagli a questo link in inglese, di cui abbiamo liberamente elaborato il contenuto. Salvo diversamente specificato, dovrebbero essere tutti reperibili su Amazon.

 

Safe Shorts

Un’idea tedesca che consiste in un paio di shorts da ginnastica con una corda collegata a un forte segnale di allarme che parte se qualcuno prova a toglierli con la forza.

Pensati appositamente per le donne runner, uniscono comodità e sicurezza e servono per rassicurare le podiste che si trovano a correre in zone isolate.

InvisaWear

L’idea viene da Boston, e prevede di combinare eleganza e sicurezza, creando pendenti per collane che, con un doppio click, possono anche inviare alla polizia e a persone di riferimento una richiesta di aiuto con la vostra posizione.

Placcati oro o argento, questi “charms” hanno una batteria e un circuito interno che si attiva a pressione. Il messaggio si può inviare a cinque contatti.

Dalla sua, oltre all’eleganza, ha l’estrema discrezione: pochi pensano che una collana sia anche un sistema di allarme!

Una variante piuttosto simile, realizzata da un’altra compagnia, si chiama Safer e aggiunge all’invio di SOS la possibilità di attivare un allarme con 90 decibel di volume (per capirsi, il rumore di un treno merci di passaggio è di circa 85 decibel).

Esiste anche la versione anello, chiamata Nimb, che ha solo una funzione base di invio di un “alert”. Molto elegante, costa però sui 200 euro.

Occly Blinc

Questo oggetto è decisamente polifunzionale: si tratta di un bracciale con luci a LED, sirena d’allarme, quattro microcamere e un microfono.

Ha varie modalità di allarme, registra il vostro percorso e, in caso di emergenza, diventa alquanto difficile da ignorare, entrando in modalità luce strobo con sirena.

Costa più dei precedenti, sui 200 euro, ma ha davvero molte funzionalità.

Adatto per chi viaggia o fa running in zone pericolose, per guardie notturne, non è così discreto come altri di questi oggetti, probabilmente per creare una funzione antiaggressione deterrente e preventiva.

Hearing Rescue

Non è ancora sul mercato, e si rivolge specialmente agli anziani e a chi ha problemi di udito.

Si tratta di un braccialetto per persone che si tolgono l’apparecchio acustico prima di dormire ma non vogliono sentirsi in pericolo in caso di rapine in casa.

Il braccialetto riconosce da uno specifico database i tipici suoni che possono indicare la presenza di un ladro o di uno scassinatore, e mandano una vibrazione al proprietario del braccialetto, per avvertirlo.

Kanega Watch

Anche questo si rivolge, almeno in teoria, ai più anziani.

Non prevede connessioni allo smartphone e si basa sul riconoscimento vocale.

In caso di emergenza, di cadute o aggressioni basterà chiedere “aiuto!” a voce alta. Il suo sistema di riconoscimento vocale gli permetterà di capire che siete in difficoltà e inviare una segnalazione geolocalizzata. Dovrebbe essere in commercio dall’inizio del 2018.

Potreste, a questo punto, farmi una domanda perfettamente legittima: cosa c’entra tutto ciò con l’automobilista responsabile?

Beh, un po’ c’entra.

Infatti, mi è venuto da pensare che alcuni di questi oggetti, specie quelli water proof e quelli non collegati necessariamente a uno Smartphone funzionante, possono essere una buona integrazione per la nostra sicurezza, anche in auto, specie in caso di incidenti stradali o guasti in luoghi isolati, per segnalare la propria presenza e la necessità di ricevere aiuto.

Per esempio: anni fa una persona di mia conoscenza finì in un torrente con la macchina, in una zona piuttosto isolata. Si era rotta un braccio e un paio di costole e si salvò solo perché riuscì a prendere il cellulare e chiamare aiuto. La recuperarono in elicottero.

Se non fosse stata in grado di raggiungere il telefono sarebbe stata in una situazione a dir poco difficile… che magari, sarebbe stata risolta premendo due volte un piccolo device a forma di collana o di anello. Per questo ve ne parlo qui.

Vi ricordiamo che la funzione SOS di SmanApp vi permette di inviare un messaggio di aiuto geolocalizzato a una persona di vostra fiducia, in modo da poter chiamare rapidamente i soccorsi in caso di necessità. Oltre al tasto SOS, SmanApp ha tantissime altre funzioni per chi ama fare sport in sicurezza: scaricala subito per scoprirle!

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

 

Rispondi