Aria condizionata: pro e contro

Quali sono i lati positivi e negativi di questo strumento che ormai fa parte integrante della nostra vita in casa, in auto, in ufficio, nei supermercati?

a:c smanapp

Difficile farne a meno… anche volendo.

L’aria condizionata è la protagonista delle nostre estati, spesso ricercata, talvolta detestata.

Aiuta a dare sollievo in questi mesi, i più roventi dell’anno, e naturalmente diminuisce i rischi dei problemi di salute legati al caldo eccessivo.

Come ogni tipo di tecnologia, anche l’aria condizionata ha i suoi lati negativi, dovuti non allo strumento in sé quanto al suo corretto utilizzo, sia in auto che in casa o in ufficio.

Vediamo insieme i pro e i contro dell’uso di questo strumento.

Pro: stop ai colpi di calore

Un lato positivo di grande importanza: l’aria condizionata è il fattore di protezione principale dal colpo di calore e da tutti i vari malanni dovuti al caldo torrido. In particolare, si parla di uno strumento che salva centinaia di vite ogni anno, soprattutto tra le categorie e le fasce d’età più vulnerabili, come i bambini sotto i 4 anni e gli adulti oltre i 65, le persone sovrappeso e chi soffre di patologie particolari.

Stare in zone provviste di aria condizionata nei momenti più caldi del giorno è un consiglio che ormai danno tutti i medici di base.

Contro: batteri, muffa e funghi

I condizionatori d’aria possono essere un terreno di coltura per la crescita di microorganismi, muffe e funghi.

Se i condizionatori non vengono correttamente puliti e tenuti sotto corretta manutenzione, è possibile che diffondano questo tipo di sostanze nell’ambiente, creando problemi respiratori anche importanti come polmonite e malattia del legionario, una grave infiammazione dei polmoni dovuta a un batterio chiamato Legionella.

Per evitare tutto ciò, oltre alla pulizia degli impianti, l’umidità in casa deve essere intorno al 35/50 per cento. Nei climi caldo/umidi può essere necessario l’acquisto di un deumidificatore.

Pro: aiutare in caso di asma e allergie

I condizionatori, abbassando l’umidità dei locali e facendo circolare l’aria, hanno un ruolo positivo nella diminuzione di attacchi d’asma e reazioni allergiche, specie a polvere, muffe e polline.

D’atra parte, però, se la manutenzione non è adeguata, il rischio è diffondere le stesse sostanze nell’aria. Insomma, anche in questo caso la differenza è tra un condizionatore pulito e ben tenuto e uno trascurato.

Contro: mal di gola e altri malesseri

Gli ambienti con uso eccessivo di aria condizionata possono portare conseguenze fisiche spiacevoli come gola secca, nausea, raffreddori e altre problematiche simili.

Per evitarle, i condizionatori dovrebbero essere dotati di filtri appositi che devono essere puliti e cambiati periodicamente.

In più, non dovrebbero mai essere lasciate sostanze chimiche pericolose di alcun tipo (vernici, detergenti etc.) nei pressi degli impianti di riscaldamento e ventilazione, per evitare il rischio di diffonderle nell’ambiente.

Contro: uso eccessivo

Purtroppo la tendenza generale in molti posti è… esagerare.

A chi non è capito di girare in canottiera per la città con quei 35 gradi di temperatura minima e di trovarsi a entrare in un locale dove mancano solamente le stalattiti di ghiaccio?

Ecco, non fa bene.

Non è una risposta logica al caldo la trasformazione degli ambienti in freezer, quanto meno perché si crea uno shock termico in entrata e in uscita.

Trovarsi all’improvviso in canottiera in un posto in cui servirebbe il cappotto può essere un ottimo modo per prendersi il raffreddore del secolo, e tenerselo per tutta l’estate.

Non a caso, ormai in molti portano in macchina anche d’estate una felpa o addirittura una sciarpa per entrare nei supermercati e nei centri commerciali.

Pro: L’aria condizionata ci permette di dormire con la finestra chiusa

Dimentichiamoci una volta per tutte il rumore di camion, motorini, conversazioni notturne tra ubriachi, gente al telefono che grida per coprire la distanza, gruppi di festaioli che si riuniscono sotto il portone. Possiamo finalmente dormire in pace.

Contro: potresti diventare troppo esigente

Chi si abitua ad avere sempre e ovunque livelli polari di aria condizionata potrebbe, col tempo, dimenticarsi che esiste una cosa chiamata estate, e capita anche di avere caldo.

Insomma, un po’ di sollievo fa piacere, ma con giudizio.

Contro: impatto energetico

l’aria condizionata prevede una grande quantità di energia. Da un punto di vista ambientale l’impatto di milioni di condizionatori è decisamente alto.

La scelta è semplice: meglio pensare al sollievo del momento o al futuro del pianeta? Nel secondo caso, sarebbe meglio evitare i condizionatori scegliendo, al contrario, di avvalersi di ventilatori.

Sì, lo so, non è la stessa cosa… ma è l’unico modo eco-sostenibile per affrontare l’estate.

Info, fonti di riferimento e approfondimenti sul tema qui, qui, qui e qui.

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...