Shunpiking: la nobile arte di evitare i caselli

Un termine inglese poco noto ci illustra un modo di guidare piacevole, economico e antistress. Per chi non vuole partecipare agli ingorghi ferragostani, lo “shunpiking” è una possibile risposta! 

lautomobilista_resp_blog_626x412

Agosto è l’incubo di tutti gli automobilisti. Infinite code di vacanzieri ai caselli attendono l’incauto viaggiatore, mentre centinaia di migliaia di italiani affrontano complessi calcoli algebrici per scoprire gli orari delle fantomatiche partenze intelligenti… col risultato, naturalmente, di partire tutti contemporaneamente all’ora in cui non dovrebbe esserci nessuno.

Via dalle solite strade

Un’azione di resistenza civile a tutto questo bailamme è lo shunpiking, termine inglese composto da “shun”, che significa “evitare” e “pike”, che si riferisce alle strade a pagamento. In italiano l’unico modo per tradurlo è “evitando i caselli”.

Lo shunpiking è una pratica comune tra chi cerca vie alternative per varie, ottime ragioni: non pagare al casello, non passare ore bloccato in autostrada e apprezzare un viaggio più lento, immerso nel paesaggio e nelle campagne.

Forme organizzate di shunpiking si sono verificate in vari momenti della storia. Per esempio nel 1955 in Virginia, o in Inghilterra nei primi anni ’90, come forma di boicottaggio per aumenti immotivati dei costi del pedaggio.

Stan Picchetto la sa lunga!

Non è del tutto corretto parlare di “scorciatoie”, semmai di percorsi scenici e strade laterali, che ovviamente prevedono più tempo e nessuna ansia di arrivare.

Lo shunpiking è una modalità che permette di recuperare un ritmo più rilassato, che include nella vacanza anche il percorso da A a B, che in questo modo diventa parte del viaggio, anziché un male necessario per raggiungere rapidamente l’obiettivo.

Ma lo shunpiking può offrire anche altre sorprese: per esempio, in certi casi diventa davvero una scorciatoia. Per esempio, proprio ad agosto in Italia.

Può infatti succedere che questa pratica, oltre a farci risparmiare denaro, renderci più rilassati e a migliorare il “mood” del viaggio, ci faccia addirittura arrivare a destinazione più presto delle congestionatissime autostrade!

Una curiosità, per concludere questo breve excursus alla scoperta di un termine poco noto: la parola shunpiking ha ispirato uno dei personaggio di Harry Potter: Stan Shunpike, il bizzarro autista del Nottetempo, un vero esperto di percorsi alternativi, conosciuto dal pubblico italiano col nome di Stan Picchetto.

Ti senti un vero shunpiker? Goditi la pace delle strade laterali, ma ricordati di attivare SmanApp per ricevere segnalazioni utili sulla presenza lungo il tuo percorso di runner, pedoni, ciclisti, incidenti, lavori in corso, attraversamento disabili o altri pericoli generici. Con SmanApp la sicurezza è a portata di click!

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...