La Carta Europea dei diritti del pedone

Un testo del 1988 tuttora fondamentale, che propongo come spunto di riflessione per capire i passi avanti compiuti in questi anni, ma anche quello che ancora si può e si deve migliorare.

lautomobilista_resp_blog_626x412

Stavolta non mi dedicherò a riflessioni e divagazioni personali: vorrei invece proporti la lettura (un po’ lunga, forse, ma sicuramente illuminante) di questa Carta, tratta da una Risoluzione Europea del 1988, punto di riferimento internazionale per i diritti dei pedoni al netto di alcune differenze rispetto alla sensibilità attuale, essenzialmente di tipo terminologico.

La domanda che ti pongo è una sola: secondo te quanto è stato fatto dal 1988 e quanto ancora resta da fare per garantire i diritti degli utenti più deboli della strada in Italia?

Buona lettura!

La carta europa dei diritti del Pedone

(RISOLUZIONE doc. A 2-154/88)

“I. Il pedone ha diritto a vivere in un ambiente sano e a godere liberamente dello spazio pubblico nelle adeguate condizioni di sicurezza per la propria salute fisica e psicologica.

II. Il pedone ha diritto a vivere in centri urbani o rurali strutturati a misura d’uomo e non d’automobile e a disporre di infrastrutture facilmente raggiungibili a piedi o in bicicletta.

III. I bambini, gli anziani e i minorati hanno diritto a che la città rappresenti un luogo di socializzazione e non di aggravamento della loro situazione di debolezza.

IV. I minorati hanno diritto a ottenere specifiche misure che permettano loro il più possibile un’autonomia di movimento grazie ad adeguamenti delle aree pubbliche, dei sistemi tecnici e dei mezzi pubblici di trasporto (linee di delimitazione della sede stradale, segnaletica di pericolo e acustica, accessibilità di autobus, tram e treni).

V. Il pedone ha diritto, da un lato, a ottenere zone urbane, a lui totalmente destinate, il più possibile estese, le quali non rappresentino mere “isole pedonali”, ma si inseriscano coerentemente nell’organizzazione generale della città e, dall’altro, a vedersi riservato un complesso di percorsi brevi, razionali e sicuri.

VI. Il pedone ha diritto in particolare a:

a) il rispetto delle norme di emissioni chimiche e acustiche dei veicoli a motore individuati come sopportabili in sede scientifica;

b) l’adozione generalizzata nel trasporto pubblico di autoveicoli che non siano fonte di inquinamento né atmosferico né acustico;

c) la creazione di polmoni verdi anche con opere di forestazione urbana;

d) la fissazione di limiti di velocità e il riassetto delle strade e degli incroci tali da garantire effettivamente la circolazione pedonale e ciclistica;

e) il divieto di diffondere messaggi pubblicitari per un uso dell’automobile distorto e pericoloso;

f) efficaci sistemi di segnalazione concepiti anche per quanti sono privi di vista e di udito;

g) specifici interventi atti a consentire la sosta, così come l’accesso e la percorribilità di strade e marciapiedi;

h) l’adeguamento della forma e dell’equipaggiamento degli autoveicoli in modo da smussarne le parti più aggressive e renderne più efficaci i sistemi di segnalazione;

i) l’instaurazione di un sistema di responsabilità dei rischi secondo cui è finanziariamente responsabile colui che provoca il rischio (procedura seguita, per esempio, in Francia dal 1985);

j) una formazione in materia di guida che sia finalizzata a un comportamento rispettoso dei pedoni/utenti della strada che si muovono lentamente.

VII. Il pedone ha diritto a una completa e libera mobilità che si può realizzare attraverso l’uso integrato dei mezzi di trasporto. In particolare egli ha diritto:

a) a un servizio di trasporto pubblico non inquinante, capillare e attrezzato per rispondere alle esigenze di tutti i cittadini, abili e inabili;

b) alla predisposizione di infrastrutture, riservate ai ciclisti in tutto il tessuto urbano;

c) all’allestimento di aree di parcheggio strutturate in modo da non incidere sulla mobilità pedonale e sulla fruibilità dei valori architettonici.

VIII. Ogni Stato deve garantire la capillare informazione sui diritti dei pedone e sulle possibilità di trasporto alternative rispettose dell’uomo e dell’ambiente attraverso i canali più idonei e sin dai primi livelli di istruzione scolastica”.

Testo ricavato dall’utilissimo sito dell’Associazione Pedoni Europei, che invito a consultare per approfondire l’argomento ed eventualmente leggere il testo completo della risoluzione, comprensivo di premesse e conclusioni. 

SmanApp è la prima app di sicurezza stradale che mette in contatto gli automobilisti e gli utenti più deboli della strada, come pedoni e ciclisti, per evitare distrazioni e incidenti. Scarica SmanApp: contribuisci anche tu alla nostra Missione Sicurezza!

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

Rispondi