5 idee per un weekend (parte 2): il Nord-Ovest

Dalla Val d’Aosta al Piemonte, dalla Lombardia alla Liguria, 10 luoghi poco conosciuti che andrebbero visitati almeno una volta nella vita, soprattutto nel periodo tra ottobre e novembre.

orta smanapp

Ogni volta che penso a quante e quali bellezze naturali e architettoniche ci siano in Italia, mi chiedo come sia possibile che questo splendido Paese si dibatta in frequenti crisi economiche, e sia così poco capace di valorizzare le proprie risorse.

Non è un caso che la nostra nazione sia la più ricca al mondo di siti Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco…

Si tratta di luoghi che sono meta di autentico pellegrinaggio da parte di visitatori di tutto il mondo, ma che spesso siamo noi i primi a trascurare, anche se magari viviamo lì, a due passi.

La scelta di questa settimana è caduta su una serie di mete del Nord Ovest italiano a nostro avviso particolarmente adatte alla stagione autunnale, grazie a una combinazione di fascino, ambiente e un pizzico di mistero. Scopriamole insieme.

1. Val d’Aosta: Castello di Fénis

I castelli, in Val d’Aosta, sono un po’ come le vigne in Toscana: li trovi ovunque.

Colpiscono l’immaginazione di adulti e bambini, aggrappati a costoni di roccia, immersi nel verde o incastonati in piccoli borghi. Gli abbiamo dedicato un articolo intero qui, ma non possiamo esimerci dal citare nuovamente il più suggestivo di tutti, quello di Fénis.

Due cerchie di mura che avvolgono il corpo centrale irto di torri, costruito in pianura a differenza della maggior parte delle fortezza della regione, non sembra tanto dedito alle arti militari quanto alla celebrazione della nobile famiglia Challant.

Sorge nei pressi del villaggio di Pommier, e risale al XIII secolo. Oltre al magnifico esterno, vanta un interno sontuoso, ricco di affreschi e magnificamente conservato.

Se cercate un castello da film fantasy, che sembra nato per suggerire antiche saghe cavalleresche a base di principi e nobildonne, non ci sono dubbi: Fénis è la vostra meta.

2. Piemonte: Orta San Giulio

Siamo in provincia di Novara, sul bordo di uno dei laghi più piccoli e affascinanti d’Italia: il lago d’Orta. Il borgo che si appoggia su queste rive è ritenuto uno dei più belli d’Italia, grazie al paesaggio straordinario, al giardino lacustre della seicentesca Villa Bossi
, alle suggestioni arabe della bizzarra Villa Crespi.

Ma la vera magia la troverete approdando sulla minuscola Isola di San Giulio (nella foto) con la sua Basilica del IV secolo e la sue stradine strette che, specie se immerse nella nebbia ottobrina, vi faranno viaggiare con la mente.

3. Piemonte: Sacra di San Michele

Avete letto “Il Nome della Rosa” di Umberto Eco? L’arcaica, possente abbazie arroccata sulla cima del monte Pirchiriano è nientemeno che l’ispirazione principale per la sinistra torre della biblioteca, teatro delle vicende che vedono protagonista Guglielmo da Baskerville.

L’enorme edificio risale al X secolo ed è dedicato al culto dell’Arcangelo Michele. La frequentano visitatori di tutta Europa, dai pellegrini agli sportivi che la raggiungono in mountain bike.

Da vedere, oltre a uno dei più bei paesaggi possibili in Nord Italia, la Chiesa del Dodicesimo secolo che ospita i membri di Casa Savoia, la statua di San Michele Arcangelo, lo Scalone dei Morti, il Portale dello Zodiaco e la Torre della Bell’Alda.

Ma non basta: la Sacra ospita una Biblioteca (come ne “Il nome della Rosa”, per l’appunto), le sale antiche dei Savoia e un profluvio di opere pittoriche e architettoniche.

4. Liguria: Giardini Hanbury

Nel 1866 un mercante inglese, Sir Thomas Hanbury, si innamorò perdutamente della Liguria. Era appena tornato dalla Cina e sognava di trovare un luogo speciale per creare uno splendido giardino botanico.

Scelse quella parte di costa che unisce l’Italia e la Francia, vicino a Ventimiglia, e si mise al lavoro, aiutato dal fratello, un famoso botanico, e da una figura che oggi chiameremmo “garden designer”, il tedesco Ludwig Winter.

Il risultato è uno dei più bei giardini d’Italia: i Giardini Hanbury, che ospitano 5800 differenti piante ornamentali che vanno dall’eucalipto al bamboo, dagli agrumi alle orchidee alle piante esotiche, in un intrico di sentierini e viali, una fontana cinese, un mausoleo in stile moresco.

5. Liguria: Triora

Tra le destinazioni più curiose e meno note della Liguria, c’è anche l’antichissima cittadina di Triora, nascosta nell’entroterra ligure.

Il labirinto spettacolare di vicoli, passaggi coperti, antichi portali scolpiti la rende certamente uno dei più particolari borghi italiani.

Ma Triora ha anche una storia tutta speciale, legata a una serie di processi per stregoneria avvenuti nel 1587. Per questo, la cittadina è conosciuta come la “Salem italiana”.

L’atmosfera c’è tutta, corroborata dalla presenza di un Museo Etnografico della Stregoneria, che racconta la vita di questo borgo isolato fin dalla preistoria. Nelle fondamenta del museo sono ancora ospitate le prigioni dove le malcapitate accusate di essere streghe venivano incarcerate prima di finire sul rogo.

Da vedere anche la Cabotina, dove secondo la leggenda le streghe danzavano coi demoni, e il cosiddetto Monte delle Forche (allegria!…).

Il tema della stregoneria non si limita al museo, ma coinvolge in qualche modo tutta la città, con “case delle streghe”, statue a tema, negozi che vendono oggettistica.

Una piccola, antica cittadina ricca di mistero che sembrerebbe particolarmente adatta da visitare il giorno di Halloween… ma che forse è meglio visitare in qualunque altro momento, visto che in quella circostanza è assediata da visitatori in cerca di emozioni stregonesche!

Approfondimenti e fonti di riferimento:

Leggi anche: 5 idee per un weekend (parte prima: il Nord-Est)

Sei un automobilista? Goditi il tuo weekend d’autunno, ma ricordati di attivare SmanApp durante il viaggio, in modo da ricevere utili segnalazioni della presenza di runner, ciclisti, incidenti, lavori in corso, animali e altri potenziali pericoli sulla tua strada.

Sei un runner o un ciclista? Attiva la tua sessione di allenamento con SmanApp, e segnala la tua presenza agli automobilisti, per dargli il tempo di rallentare ed evitare distrazioni. Stay Safe con SmanApp: la nostra missione è la tua sicurezza!

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

Rispondi