Sex & Running

Correre fa bene alla vita sessuale? La vita sessuale fa bene alla corsa? Se non te lo eri mai chiesto, tranquillo, neanche noi ci avevamo mai pensato. Ma alcuni studiosi americani lo hanno fatto…

running e sesso smanapp

I runner esperti, si sa, sulla strada hanno una gran resistenza… ma si può dire la stessa cosa tra le lenzuola?

La capacità di correre 100 chilometri la settimana influisce sulle prestazioni erotiche?

Sembra incredibile, ma alcuni studiosi si sono posti il problema e hanno cercato di capire se e quanto gli appassionati della corsa siano – per usare una parola orribile della contemporaneità – performanti anche in altre, più maliziose, discipline.

Il peso dell’autostima

Molti runner dichiarano che l’attività fisica migliora la sicurezza nelle proprie capacità. Sentirsi attivi è un afrodisiaco potente, sia per gli uomini che per le donne.

Non lo diciamo noi, ma il Department of Exercise Science and Health Promotion della Florida Atlantic University. Mica pizza e fichi

Lo studio, tra le altre cose, ha accertato che il 41 per cento degli intervistati si sente “frizzante” dopo una corsa e che il 51 per cento sente di avere più energie.

La libido aumenta quando ti senti bene, è la sconvolgente conclusione di questi studiosi che, si suppone, ricevono fior di finanziamenti per rivelarci verità così fondamentali.

Ma, suvvia, bando alle facili ironie. Un’altra considerazione da fare è che gli sportivi hanno un’immagine migliore di se stessi e del proprio corpo: si sentono più desiderabili, e questo, in effetti, aiuta quando sei in camera da letto.

Sesso per correre meglio…

Ma non c’è solo l’autostima a giocare a favore dei runner Casanova: il sesso aiuta a correre.

Può sembrare un po’ bizzarro, ma molti runner ritengono che fare sesso faccia bene all’allenamento. Non il contrario, avete capito bene.

Il sesso rinforza i muscoli delle cosce e la respirazione: secondo questo assunto, molti runner cercano di fare sesso prima di una gara importante.

Questo concetto apre scenari un po’ inquietanti: qualche corridore potrebbe voler fare sesso coi primi venuti solo per correre meglio il giorno dopo.

Non è un pensiero particolarmente appagante…

… o la corsa migliora il sesso?

Per fortuna c’è l’altra faccia della medaglia: il running stimola le endorfine, la circolazione del sangue, la serotonina e la dopamina.

Tutto questo aiuta a sentirci felici, eccitati e ben disposti verso l’altro.

Insomma, correre è una sorta di droga che stimola mente e corpo all’attività fisica, sesso compreso.

Certo, a tutto c’è un limite: una lunga maratona difficilmente renderà il runner propenso a una session erotica. Molto meglio un bel pisolino

Nello stesso tempo, un’oretta di corsa potrebbe predisporre a una piacevole maratona d’altro genere.

Il troppo stroppia

Ci sono anche delle controindicazioni: un eccesso di allenamento ha effetti del tutto opposti. La libido scompare, come anche l’appetito e la capacità di dormire.

Una sovreccitazione provocata da un training troppo intenso finisce per creare solo una forma di stanchezza vigile, che impedisce ogni forma di rilassamento, sesso compreso.

Ma tiriamoci su: un altro studio (piuttosto curioso, in verità) suggerisce che i corridori più veloci abbiano una vita sessuale migliore.

Questo deriverebbe dal fatto che i nostri antenati più veloci erano più abili a cacciare e a procacciarsi il cibo e di conseguenza erano destinati a un maggior successo riproduttivo.

Insomma, migliaia di anni di evoluzione sembrano proprio non essere serviti a molto: alla fine si torna sempre lì, agli uomini delle caverne.

Uno strano record olimpico

Per quanto sembri piuttosto folle, questo ragionamento ha trovato un sostegno imprevisto da una statistica rilevata nel villaggio olimpico di Rio de Janeiro: in media ogni atleta, durante le Olimpiadi, aveva usato 42 profilattici!

In effetti, si sa, la sera prima di una gara molti allenatori vietano il sesso, ma non tanto per la pratica in sé, quanto per tutti i corollari di una tipica serata romantica… cenette, alcool, stare alzati fino a tardi e così via.

Il sesso in sé, insomma, sarebbe anche positivo, ma solo dopo una cena leggera, senza vino, e a letto alle undici!

La domanda, però, a questo punto sorge spontanea: vale la pena dedicarsi alle gioie della libido in versione del tutto salutista e pure con l’ansia della prestazione del giorno dopo?

Meglio, a questo punto, tenersi liberi per la sera successiva alla gara e, finalmente liberi da impegni, dare il meglio –  o il peggio, dipende dai punti di vista – di sé!

Fonte di riferimento: Runnersworld.com

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

Rispondi