5 mete per un weekend autunnale: Sud Italia

Continuiamo il nostro viaggio su e giù per lo stivale, alla ricerca di mete “autunnali” non troppo conosciute ma ricche di fascino, storia, mistero, buona cucina. Questa volta si va a Sud!

federica-giusti-535408-unsplash.jpg

Galatina (Puglia)

Questa popolosa cittadina pugliese si trova nell’entroterra di Lecce ed ha una storia antichissima, con molti monumenti degni di nota.

Da citare almeno la Basilica di Santa Caterina, completamente ricoperta di affreschi molto vividi risalenti al XIV secolo, è una delle più importanti testimonianze di arte romanica e gotica in Italia, benché poco conosciuta.

Un altro luogo singolare di Galatina è la Chiesa di San Paolo, detta anche Cappella delle Tarantate, dove si svolgeva la festa del Santo il 29 giugno.

In questo giorno si svolgevano rituali per guarire dal morso di un ragno velenoso comune nelle campagna della zona (la tarantola, per l’appunto), accompagnati dalla musica frenetica del tamburello (balli famosissimi come la “pizzica” e la “taranta” derivano appunto da questo tipo di “esorcismi” musicali).

Matera (Basilicata)

Insieme a Venezia, è forse la città più sorprendente d’Italia, per chi la vede la prima volta.

Bella anche nella sua architettura “tradizionale”; diventa totalmente unica grazie alla presenza di due quartieri, i Sassi (Sasso Caveoso e Sasso Barisano), costruiti in due cave naturali con edifici rupestri che risalgono alla preistoria.

Nel centro dei due quartieri, costruiti in forma di imbuto, la rupe in cima alla quale si trova una splendida cattedrale di epoca romanica.

Imperdibile la vista della cattedrale dal fondo dei Sassi, dove la sera è tutto un fiorire di locali e musica. Un centro storico unico al mondo che è anche Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

Pentedattilo (Calabria)

Un minuscolo, antico paese adagiato sul “palmo” di una mano di pietra, con le sue cinque “dita” rocciose che incombono sulle case.

Questo è lo scenario, assolutamente fiabesco, in cui sorge Pentedattilo.

Abbandonata dai suoi abitanti originali proprio per la paura di cedimenti delle sue “dita”, è stata ripopolata in tempi più recenti da artisti e artigiani in cerca di un luogo pieno di bellezza e ispirazione.

Costa dei trabocchi (Abruzzo)

Lungo la costa tra Ortona e Vasto sorgono tante, curiose strutture.

Sono i “trabocchi”, antiche macchine da pesca su palafitte, ricordo di un passato antico.

Oggi sono diventate trattorie tipiche specializzate in cucina di pesce, e regalano al visitatore (specie fuori stagione) viste magnifiche e (non dimentichiamolo) sapori autentici.

Sorrento (Campania)

Definita “miracolo della natura” nei tempi antichi, la cittadina di Sorrento si trova lungo la costa delle Sirene.

Immersa nel profumo degli agrumi, ricca di edifici storici (Villa Fiorentino, l’esotica Villa Silvana, la pregevole cattedrale), ancora in parte cinta di mura, Sorrento è più di una città: è l’archetipo del borgo campano sul mare, ricco di vita, profumi e colori del Mediterraneo.

D’autunno, senza le pazze folle, acquista un fascino struggente che vi conquisterà.

Quando sei in viaggio, ricordati di attivare SmanApp: ti segnalerà la presenza sulla tua strada di runner, ciclisti, pedoni, disabili, lavori in corso, animali e altri pericoli generici. SmanApp: la tua sicurezza è la nostra missione!

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

Rispondi