Succhi verdi: tanti pro e qualche contro

L’ultimo trend per il benessere sono gli estratti e centrifugati che uniscono frutta e verdura. Delle squisite bombe vitaminiche da consumare con gioia… e qualche accortezza.

green juice 2

Il succo verde, o “green juice” (mi raccomando, pronunciate “juice” senza che si senta la “i”!), è molto trendy e fa molto bene.

Non sarò certo io a lamentarmi di una moda che, una volta ogni tanto, non danneggia la salute e fa bene all’ambiente.

Anzi, trovo questi estratti e centrifugati (sono due cose diverse!) davvero deliziosi.

Se, come me moltissime persone ne sono entusiaste, li assumono tutti i giorni e magari si sono comprati l’apposito estrattore di succo per farseli in casa, altri sono però scettici.

Uno studio americano ha rivelato che quasi il 30 per cento degli statunitensi trova che abbiano un aspetto “scary”, cioè pauroso!

In più, ci si chiede se facciano davvero così bene come si dice.
Spoiler: sì, ma con qualche piccola cautela.

Vediamo quindi pro e contro dell’alimento più “in” del 2018!

Pro

Sono deliziosi

Molti associano il color verde con vegetali amari, così l’idea di sorseggiare degli spinaci liquidi può non sembrare così attraente.

Nulla di più sbagliato: in genere, questi estratti uniscono ai vegetali altri ingredienti più gustosi, per esempio mele, pere, menta, lime, basilico, zenzero.

Vengono assorbiti subito

Tutte le vitamine, i minerali e gli enzimi vengono assorbiti rapidamente dal sangue, e l’organismo non si deve affaticare a digerire alimenti solidi.

Insomma, un bicchiere di estratto verde offre una pausa al sistema digestivo.

Fanno bene a cervello, umore e circolazione

Estratti e centrifugati migliorano la circolazione del sangue, portano ossigeno a corpo e mente… e questo fa benissimo all’umore!

Aiutano chi non ama verdura e frutta

Estratti e centrifugati sono una soluzione ideale per fornire sostanze nutritive indispensabili anche a chi odia frutta e verdure (per esempio, moltissimi bambini).

Le verdure fanno benissimo!

Questa è naturalmente la ragione principale.

Sono detossificanti, difendono l’organismo dalle malattie circolatorie, prevengono infiammazioni come l’artrite reumatoide, problemi di cuore e fegato, osteoporosi e diabete.

Inoltre, migliorano il sistema immunitario e proteggono da raffreddori e influenze.

Ti allontanano dal cibo spazzatura

Abituandosi a inserire questo tipo di alimenti nella dieta, vedrai che presto guarderai con occhi meno golosi il cosiddetto “junk food”, patatine, hamburger, e così via.

La sensazione di benessere derivata dalle sostanze presenti nelle verdure diventerà qualcosa a cui non vuoi rinunciare.

Contro

Attenzione allo zucchero!

I prodotti preconfezionati contengono quantità davvero imponenti di zucchero.

Per quanto naturale, la presenza di frutta porta a un ammontare simile a quello di una lattina di Coca Cola: quasi 50 grammi di zucchero per ogni drink!

Per evitarlo, meglio scegliere succhi con ampia maggioranza di verdure e minor quantità di frutta… meglio ancora, scegliamo da soli la composizione del succo facendo tutto in casa!

Mancano le fibre

Quando si estrae il succo da un vegetale, le fibre… se ne vanno. Un fatto semplice quanto inevitabile.

L’importanza delle fibre vegetali nella dieta è notevole: rallentano l’assimilazione degli zuccheri, aiutano la digestione, mantengono bassi i livelli di colesterolo, solo per citare qualche beneficio.

Insomma, anche in questo caso meglio mangiare l’intero vegetale, con tutte le sue componenti intatte.

Contengono anche carboidrati

Il contenuto di frutta serve, oltre alla dolcezza, ad aggiungere una percentuale di carboidrati.

In particolare, i prodotti preconfezionati di solito contengono più succo di frutta che di vegetali.

Questo, oltre ad aumentare il tasso di zuccheri della bevanda, li rende sicuramente meno dietetici, benché sempre ricchi di vitamine e antiossidanti.

Meglio, se possibile, farseli da soli.

Non è come mangiare

L’uso dei succhi può essere un’utile aggiunta alla dieta, ma ricorda che bere non sazia come mangiare.

L’atto di masticare, il tempo necessario a mangiarli e lo spazio che occupano nello stomaco ha un grande effetto sulla percezione di sazietà.

Insomma, se vuoi perdere peso e non soffrire la fame, meglio mangiare verdura che centrifugarla.

Escludono altri vegetali

La scelta “trendy” di puntare sui “verdi” esclude altri tipi di verdure decisamente importanti per la dieta.

Per esempio quelli rossi (pomodori, peperoni), arancio (carote, patate dolci), viola (melanzane, cavoli, barbabietole), bianchi (cipolle, cavolfiori).

Mangiare una grande varietà di vegetali diversi è molto utile alla dieta.

Costa di più

Se assunte quotidianamente, il prezzo delle bevande già pronte si rivelerà decisamente superiore a quello di una spesa giornaliera di verdura.

Anche in questo caso, fare da soli è meglio… anche se comporta una spesa iniziale non bassissima: un buon estrattore di succo difficilmente costa meno di 100 euro.

Fonti di riferimento:

La sicurezza in tavola e fondamentale, ma anche quella sulla strada non è da meno! Ricordati di attivare SmanApp quando vai a correre o ti alleni in bici: segnalerai la tua presenza agli automobilisti, in modo da evitare distrazioni o incidenti! SmanApp: la sicurezza è a portata di click!

Scarica SmanApp

la Prima App Per la Tua Sicurezza Stradale

2 pensieri riguardo “Succhi verdi: tanti pro e qualche contro

Rispondi